SCUOLA

Federazione materne scrive parlamentari:
salvate paritarie

Da 10 anni fondi 531 mln invariati, grave se passa taglio 258 mln
'Danno per tutti: non statale costa Stato 500 euro contro 6mila'

ApCOM, 27.10.2010

Roma, 27 ott. (Apcom) - Le proteste della 'Federazione italiana scuole materne' in difesa della scuola paritaria italiana sono state fatte pervenire a tutti i parlamentari di Camera e Senato: a comunicarlo Ŕ la stessa Fism, spiegando di aver scritto a tutti i deputati e senatori per far loro conoscere "la problematica situazione della scuola paritaria italiana e le drammatiche condizioni in cui essa rischia di trovarsi nell'immediato futuro qualora la legge finanziaria per il 2011 venisse approvata mantenendo i tagli previsti al capitolo relativo ai contributi destinati alle scuole paritarie".

Nella lettera la Fism ricorda che i finanziamenti assegnati a tutta la scuola paritaria - 531 milioni di euro per il 2010 - sono sostanzialmente rimasti immutati da 10 anni, nonostante l'aumento dei costi di gestione. "Anzi - spiega la federazione - nelle proposte di legge finanziaria del 2009 e del 2010 era stato previsto un taglio, rispettivamente, di 120 e di 130 milioni di euro. Tali somme sono state recuperate a seguito delle forti proteste da parte delle scuole paritarie e di larga parte della societÓ civile, ma l'attuale disegno di legge finanziaria prevede, per l'anno 2011, ancora una volta un taglio di ben 258 milioni di euro".

Si sottolinea, sempre in difesa dell'istruzione paritaria, il riconoscimento delle scuole 'paritarie' stabilito, come previsto dall'articolo 33 della Costituzione, dalla Legge n. 62 del 2000 che definisce tali scuole, siano esse gestite da privati o da enti locali, facenti parte, a tutti gli effetti, del 'Sistema Nazionale di Istruzione'.

Nella lettera la Fism ha voluto ricordare ai parlamentari che "la scuola paritaria in Italia rappresenta, nel suo complesso, il 21,76% delle scuole facenti parte del Sistema nazionale di istruzione ed accoglie il 10,3% degli alunni. In particolare, la scuola dell'infanzia non statale costituisce il 44,65% dell'offerta scolastica per bambini in etÓ 3 ai 6 anni. La grande maggioranza di queste scuole, tra l'altro, accoglie, spesso gratuitamente, non pochi alunni provenienti da situazioni di disagio, rispondendo ad emergenze sociali che non trovano altrove soddisfazione".

Secondo la Fisl, la scuola paritaria nel nostro paese fornisce di fatto un beneficio allo Stato italiano, non soltanto in termini di pluralitÓ dell'offerta formativa, di "virtuosa concorrenza" tra scuole, di libertÓ di educazione e di reale sussidiarietÓ, ma anche in termini strettamente economici: "un bambino che frequenta una scuola dell' infanzia statale - sostiene la federazione - comporta, infatti, una spesa, per le casse dello Stato, superiore a 6.000 euro l'anno, mentre la media della spesa per un bambino che frequenta una scuola dell'infanzia non statale si aggira sui 500 euro l'anno".

Quote "modestissime", ma che qualora "venissero ridotte non potrebbero essere compensate da aggravi alle rette delle famiglie, data la situazione socio-economica e che non poche scuole dell'infanzia sarebbero costrette, loro malgrado, a cessare di fornire il loro pluridecennale servizio pubblico alle rispettive comunitÓ. Il che comporterebbe un immediato impegno a doverle sostituire da parte dello Stato, con costi aggiuntivi facilmente ed immediatamente calcolabili". Per questo, conclude la Fism, un'ulteriore riduzione dei finanziamenti prevista dalla prossima legge finanziaria "determinerebbe, nel giro di pochi anni, addirittura la scomparsa della scuola paritaria".