Interrogazione parlamentare sul funzionamento delle scuole paritarie
Visite ispettive per la conferma
o la revoca della paritÓ scolastica

da Tuttoscuola, 19.5.2010

Durante la seduta di ieri della Settima Commissione Cultura della Camera dei Deputati, Ŕ stata discussa una interrogazione parlamentare sull'applicazione della normativa in materia di riconoscimento delle scuole paritarie, presentata dall'onorevole Ghizzoni.

In particolare, Ŕ stato chiesto in quale modo viene esercitata la vigilanza sulle istituzioni scolastiche paritarie per accertare il permanere delle condizioni richieste dalla legge per il riconoscimento della paritÓ scolastica, anche a seguito di una serie di denunce di comportamenti irregolari evidenziati in alcune scuole.

GiÓ in una precedente interrogazione parlamentare, il Ministero dell'istruzione aveva affermato che dal 2009 era stato costituito un gruppo di lavoro tecnico di supporto alla paritÓ, nel quale sono rappresentate le associazioni di gestori delle scuole paritarie maggiormente rappresentative, per un approfondimento di tutte le questioni che interessano il settore (assunzione di docenti non abilitati, rifiuto di iscrizione di alunni con disabilitÓ, mancato controllo della frequenza scolastica degli studenti iscritti, mancata retribuzione dei docenti, ecc.).

Il Sottosegretario Viceconte ha risposto ricordando che "l'ufficio scolastico regionale accerta comunque la permanenza dei requisiti prescritti ... mediante apposite verifiche ispettive che potranno essere disposte in qualsiasi momento ... fermo restando che, in presenza di specifiche segnalazioni, vengono dagli uffici medesimi disposti puntuali accertamenti".

Inoltre, Viceconte ha precisato che "in particolare, per quello che concerne la presenza, pur marginale, di situazioni che discreditano il ruolo svolto dalle istituzioni scolastiche paritarie, Ŕ stato evidenziato che le misure messe in atto fino ad ora possono essere ulteriormente migliorate per superare le situazioni rilevate e rendere pi¨ funzionale il servizio".