Organico di diritto nei corsi
di secondo livello (ex serali)

di L.L. La Tecnica della Scuola 21.5.2014

Una nota indirizzata agli U.s.r. ribadisce che non Ŕ prevista, nÚ per i professionali nÚ per i tecnici, l'elaborazione dell'organico per i corsi serali
 

Con la nota prot. n. 1665 del 19 maggio 2014, indirizzata ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici regionali, il Miur fornisce chiarimenti in merito alla procedura da seguite per la determinazione dell' organico di diritto dei corsi serali, per l’a.s. 2014/15.

La nota ribadisce che non Ŕ prevista l'elaborazione dell'organico per i corsi di secondo livello (ex serali), sia professionali che tecnici. Pertanto, ai fini della determinazione della dotazione organica, si dovrÓ procedere con l'acquisizione puntuale delle cattedre e degli spezzoni residui sia per le classi acquisite negli indirizzi del vecchio che del nuovo ordinamento.

In analogia agli istituti serali, anche per le scuole ospedaliere e carcerarie si procederÓ con l'acquisizione puntuale dell'organico, come era previsto per gli indirizzi ex maxisperimentali. Per la classi quinte, per le quali si applica ancora il vecchio ordinamento, l'organico deve essere definito tenendo conto dei quadri orari del pregresso ordinamento.

Con la nota n.1137 del 22 aprile 2014 sono state inviate le tabelle che contengono i nuovi quadri orari definiti riducendo al 70% il monte ore annuale dell'analogo corso diurno; pertanto, non Ŕ richiesta nessun altra riduzione per la definizione dell'organico dei corsi serali.

Non Ŕ comunque possibile superare il totale dei posti assegnati a livello regionale per la dotazione organica del personale docente per la scuola dell'infanzia, primaria, d'istruzione di primo e secondo grado