Ocse: l'Italia spende molto, ma male

da Tuttoscuola, 15.2.2013

Il sistema scolastico italiano, avverte l'Ocse nel rapporto "Going for Growth", appena pubblicato, produce "scarsi risultati nonostante l`elevato livello di spesa e dovrebbe fare di pi¨ per offrire migliori opportunitÓ di formazione alle persone scarsamente qualificate".

Nella scheda sull'Italia contenuta nel citato rapporto , l'ente parigino raccomanda di "continuare a migliorare la valutazione nella scuola secondaria cercando di convincere gli insegnanti dei suoi benefici".

Bisogna inoltre "ampliare l'offerta di formazione professionale postsecondaria. Aumentare le tasse universitarie e introdurre un sistema di prestiti per studenti con rimborso condizionato al reddito".

L'indicatore dell'elevato livello di spesa utilizzato dall'Ocse non Ŕ costituito, evidentemente, dalla percentuale della spesa per l'istruzione sul PIL, che in Italia Ŕ notoriamente inferiore alla media Ocse, ma dalla spesa per alunno, che Ŕ superiore (esclusa l'universitÓ).