Gli organici per il prossimo anno scolastico
verranno proposti su base triennale?

di Lucio Ficara La Tecnica della Scuola, 7.2.2013

Con la scadenza delle iscrizioni on line, fissati per il 28 febbraio 2013, sarā tempo di predisposizione degli organici 2013/2014. La domanda č: “gli organici 2013/2014 si definiranno funzionalmente ai bisogni di ciascuna istituzione scolastica? In sostanza sarā attuato, anche solo in via sperimentale, l’organico funzionale?

La domanda nasce spontanea visto quanto č stato previsto dalla legge n. 35 del 6 aprile 2012. Ricordiamo che all’art. 50 di tale legge č scritto: “Allo scopo di consolidare e sviluppare l'autonomia delle istituzioni scolastiche, potenziandone l'autonomia gestionale secondo criteri di flessibilitā e valorizzando la responsabilitā e la professionalitā del personale della scuola, con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universitā e della ricerca, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono adottate, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nel rispetto dei principi e degli obiettivi di cui all'articolo 64 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni, linee guida per conseguire le seguenti finalitā:

a) potenziamento dell'autonomia delle istituzioni scolastiche, anche attraverso l'eventuale ridefinizione, nel rispetto della vigente normativa contabile, degli aspetti connessi ai trasferimenti delle risorse alle medesime, previo avvio di apposito progetto sperimentale;

b) definizione, per ciascuna istituzione scolastica, di un organico dell'autonomia, funzionale all'ordinaria attivitā didattica, educativa, amministrativa, tecnica e ausiliaria, alle esigenze di sviluppo delle eccellenze, di recupero, di integrazione e sostegno agli alunni con bisogni educativi speciali e di programmazione dei fabbisogni di personale scolastico, anche ai fini di una estensione del tempo scuola;

c)  costituzione, previa intesa in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997 n.281, e successive modificazioni, di reti territoriali tra istituzioni scolastiche, al fine di conseguire la gestione ottimale delle risorse umane, strumentali e finanziarie;

d)  definizione di un organico di rete per le finalitā di cui alla lettera c) nonché per l'integrazione degli alunni con bisogni educativi speciali, la formazione permanente, la prevenzione dell'abbandono e il contrasto dell'insuccesso scolastico e formativo e dei fenomeni di bullismo, specialmente per le aree di massima corrispondenza tra povertā e dispersione scolastica;

e)  costituzione degli organici di cui alle lettere b) e d), nei limiti previsti dall'art. 64 del citato decreto-legge 25 giugno 2008, n.112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni, sulla base dei posti corrispondenti a fabbisogni con carattere di stabilitā per almeno un triennio sulla singola scuola, sulle reti di scuole e sugli ambiti provinciali, anche per i posti di sostegno, fatte salve le esigenze che ne determinano la rimodulazione annuale”.

Questo, se attuato, sarebbe un primo passo verso l’organico funzionale, che ha ancora il forte limite di essere vincolato al rispetto condizionato dell’art. 64 della legge n. 133/2008. Si tratta per adesso di un organico funzionale innacquato, che con l’arrivo del prossimo Ministro della pubblica Istruzione, dovrebbe essere reso puro e svincolato da normi restrittive e penalizzanti per il buon funzionamento della singola scuola.