Ocse-Pisa 2012:
le posizioni di tutte le regioni italiane in LETTURA

Il Nord Est ancora tra i primissimi posti in Europa e nel mondo

da Tuttoscuola, 4.12.2013

I dati Ocse-Pisa 2012 relativi alla lettura dei 15enni confermano sostanzialmente quanto rilevato a livello di singola regione italiana per matematica: il Nord nelle primissime posizioni, il Sud e le Isole tutte sotto la media Ocse; il Centro in mezzo, senza infamiA e senza lode, fatta salva la regione Marche.

La media Ocse pari a 496 punti; la media dell’Italia 490.

Anche per la lettura i livelli territoriali individuati sono 188, di cui 39 Nazioni e 149 regioni.

Il Veneto, Trento e la Lombardia, rispettivamente al 13, 14 e 15 posto raggiungono 521 punti, sono precedute da Paesi asiatici e da due soli paesi europei, la Finlandia e l’Irlanda.

Segue al 17 posto il Friuli Venezia Giulia con 518 punti che precede la Polonia, l’Estonia, l’Olanda il Belgio e la Germania.

Il Piemonte 36 con 506 punti, seguito dalla Valle d’Aosta con 502 e precedono il Regno Unito.

L’Emilia-Romagna con 498 punti precede gli Stati Uniti; completano il gruppo di regioni italiane sopra la media Ocse Bolzano (53) e le Marche (54) con 497 punti davanti alla Danimarca.

Sono pertanto nove le regioni italiane sopra la media Ocse; le altre dodici sono sotto, a cominciare dalla Puglia con punteggio uguale (493) alla Repubblica Ceca. A seguire l’Umbria a 492 e la Liguria al 61 con lo stesso punteggio dell’Italia e della Austria.  Segue la Toscana al 71 posto con 488 punti, a pari merito con Ungheria, Spagna e Portogallo.

Lazio (80) e Abruzzo (81) con 480 punti seguono la Slovenia e precedono Lituania e Grecia, che a loro volta precedono il Molise a 476 punti.

La Basilicata con474 punti segue Turchia e Russia e precede la Campania e la Sardegna, rispettivamente al 93 e 94 posto con 464.

Come per matematica, ancora fanalini di coda sono la Sicilia (98) con 455 e la Calabria (117) con 434.

Dietro di loro Paesi sudamericani e della penisola Balcanica.