Rossi Doria: "difendo il concorso;
la scuola torna alla normalitÓ"

di P.A. La Tecnica della Scuola, 7.9.2012

Intervistato da L’UnitÓ, il sottosegretario all’istruzione, Marco Rossi Doria, difende il concorso: “con il ministro Profumo ci siamo dati obiettivi. Mi pare che stiamo riuscendo a rispettare le prioritÓ: in primo luogo c’Ŕ l’obiettivo politico di cambiare il clima".

“Facciamo i conti con il debito pubblico. I tagli penalizzano ma hanno mobilitato risorse della cittadinanza attiva. L’agenda politica impostata da Profumo ha il merito, chiunque vada dopo al governo, mano a mano che si aggiustano i conti pubblici, di considerare scuola e ricerca non una spesa ma un buon investimento” e fra gli investimenti c’Ŕ “un bando pubblico di 25 milioni di euro per la lotta alla dispersione scolastica a cui si aggiunge l’iniziativa congiunta dei ministri Barca e Profumo in Europa per proseguire con politiche attive contro la dispersione scolastica fino al 2020. Ci sono 200 milioni per interventi nelle scuole del Sud e un miliardo per l’edilizia scolastica, c’Ŕ l’implementazione tecnologica delle scuole”.

Tuttavia di fronte alla protesta dei precari che definiscono questo concorso a cattedra un concorso beffa, il sottosegretario afferma: “Quando ho iniziato io, nel 1975, l’abilitazione consentiva di fare supplenze ma si entrava in ruolo solo vincendo un concorso. I concorsi si facevano ogni anno, per coprire i vuoti del turn over. La situazione che si Ŕ creata dal 1980 ha generato una grande aspettativa e un grande precariato, conosco le sofferenze e le fatiche dei colleghi precari. Abbiamo scelto di ripristinare il dettato costituzionale, dopo 12 e in alcuni casi 20 anni che non si facevano concorsi, ma non ci possiamo nascondere la situazione che abbiamo ereditato. Il compromesso Ŕ che l’ingresso in ruolo sarÓ al 50% per concorso, il che consente di aprire ai ragazzi che si stanno laureando, e al 50% attraverso le graduatorie fino a esaurimento". E se lo scorrimento delle graduatorie Ŕ lento ci˛ Ŕ dovuto a “due cause: una Ŕ la riforma delle pensioni, il picco dei pensionamenti Ŕ ritardato ma ci sarÓ. E, in alcuni casi, per le materie scientifiche, le liste delle graduatorie sono giÓ quasi esaurite. L’altra causa Ŕ la scelta del concorso, sono convinto che il cerchio andava rotto, andava dato un segnale di svolta e ripristinato il dettato costituzionale. Per i precari non c’Ŕ penalizzazione, possono partecipare ai concorsi restando in graduatoria”.