Ecco le “falle” del concorsone.
Si prevedono migliaia di ricorsi

 Scuola Informazione, 2.10.2012

Ecco gli 8 punti di debolezza del concorso che potrebbero spianare la strada a migliaia di ricorsi al Tar.

punto elenco

Laureati 2001-2002. Per i sindacati tutti i laureati con titolo di studio valido per il conseguimento dell’abilitazione dovrebbero essere ammessi a partecipare al concorso.

punto elenco

Docenti di ruolo. E’ vietato ai dipendenti in servizio a tempo indeterminato la partecipazione al concorso. Per i sindacati Ŕ incostituzionale perchŔ viene concessa tale possibilitÓ a tutti gli altri dipendenti del pubblico impiego.

punto elenco

Test preselettivo. Il punteggio relativo al test di preselezione dovrebbe essere pari o superiore a 30 e non a 35 come stabilito dal Miur.

punto elenco

Lingua straniera. Per chi partecipa al concorso nella scuola elementare Ŕ prevista la prova di lingua straniera. Di parere opposto i sindacati.

punto elenco

Lingua straniera bis. Lingua straniera all’orale per tutti i candidati. il sindacato non Ŕ d’accordo.

punto elenco

Punteggio favorevole. Il candidato con un punteggio inferiore a quello ottenuto in occasione del precedente concorso, non pu˛ scegliere il vecchio punteggio prima dell’esame dei titoli. Anche in questo caso i sindacati non sono d’accordo.

punto elenco

La permanenza nelle graduatorie. Manca nella tabella dei titoli la valutazione per la permanenza nelle graduatorie rispetto ai non abilitati, Ŕ previsto, invece, un punteggio superiore al titolo Ssis rispetto agli altri titoli universitari.

punto elenco

Graduatoria triennale. Il concorso Ŕ stato bandito secondo l’art. 400 del D.Lgs. 297/1994 che autorizza il ministro a rinnovarlo ogni tre anni, quindi non potrebbe essere bandito un nuovo concorso prima di che siano trascorsi tre anni dal precedente.