Upi a Profumo: allentare il patto di stabilitÓ
per garantire la sicurezza nelle scuole

 La Tecnica della Scuola, 18.11.2012

Il presidente dell’Unione delle province italiane, Antonio Saitta, commenta le richieste fatte al ministro dell’istruzione durante l’incontro svoltosi a Torino

"Le Province italiane chiedono con forza al ministro dell'Istruzione Francesco Profumo che ottenga dal Governo l'esclusione dal patto di stabilitÓ delle spese per gli investimenti destinati alla sicurezza negli edifici scolastici. Dobbiamo prevenire emergenze nelle scuole e consentire ad alunni ed insegnanti della scuola pubblica di frequentare edifici a norma: ma potremo farlo solo a condizione che il patto di stabilitÓ su questi investimenti venga allentato".

"Profumo - riferisce Saitta - ha convenuto sull'emergenza sicurezza nelle scuole italiane e sono convinto che come ministro saprÓ fare sua una battaglia di civiltÓ e sicurezza: quella di allentare il patto di stabilitÓ per consentire agli enti locali di investire sulla sicurezza di edifici scolastici che nel 40% dei casi italiani lo stesso Governo ha definito da abbattere e ricostruire".

Al ministro Saitta ha anche ribadito che "le Province non sono realmente nella condizione di pagare nemmeno le bollette del riscaldamento degli edifici di loro competenza: parlo di uffici, prefetture, caserme e migliaia di edifici di scuola secondaria in tutta Italia. Con i tagli lineari applicati dalla spending review siamo al dissesto, mentre lo Stato alle Province a cui chiede in questi giorni 500 milioni di euro dai bilanci locali, da anni non versa il suo debito che Ŕ di poco inferiore ai 3 miliardi di euro".