Le conseguenze di tredici anni
di vuoto concorsuale

di A.D.F. La Tecnica della Scuola, 28.8.2012

Che cosa Ŕ successo nei tredici anni che ci separano dal 1999, data in cui fu pubblicato il bando dell’ultimo concorso a cattedra? Cerchiamo di capirlo

La domanda si riferisce in particolar modo al numero di laureati che hanno sfornato le nostre UniversitÓ in tutte le discipline accademiche, e di conseguenza al potenziale numero di laureati che potrebbero cimentarsi nel prossimo concorso a cattedra per docenti indetto dall’attuale Consiglio dei Ministri.

Consideriamo per far capire meglio il problema due corsi di laurea fondamentali nell’istruzione scolastica, ovvero lettere e matematica. In Lettere e filosofia, dal 2000 al 2012 si sono laureati 206 mila studenti. Mentre in Matematica, Fisica e Scienze naturali sono 123 mila i giovani usciti con la laurea dagli atenei italiani. Considerando tutti i tipi di corsi di laurea, nei 13 anni di vuoto concorsuale, i laureati del vecchio ordinamento e "quinquennali" ammontano a un milione e 560 mila.

Tenendo presente questi dati, che dal punto di vista concorsuale farebbero tremare i polsi a qualsiasi struttura organizzativa, il numero degli aspiranti docenti interessati a partecipare al prossimo concorso a cattedra, potrebbe essere notevolmente superiore alle 300 mila unitÓ ipotizzate dal ministero.

A tal proposito Ŕ doveroso prevedere una prova preselettiva adeguata, in altre parole una prova efficiente ed efficace, in modo da garantire nell’ambito della regolaritÓ procedurale, una notevole riduzione, nei numeri, degli aspiranti docenti alle fasi successive del concorso.