SCUOLA

Regione Toscana, quando approvati DL
verifica ricorso a Consulta

ASCA, 16.3.2010

(ASCA) - Firenze, 16 mar - Quando saranno approvati i decreti di riordino della scuola superiore, la Regione Toscana verificherÓ la possibilitÓ di fare ricorso alla Corte costituzionale. Lo comunica l'assessore all'istruzione Gianfranco Simoncini che ha proposto in giunta una delibera, approvata, per ''limitare il danno rispetto alla confusone che si sta determinando, testimoniata dalle decine di richieste di chiarimenti che arrivano quotidianamente anche negli uffici della Regione e che conferma quanto fosse sensata la richiesta fatta dalla Regione di rinviare di un anno l'entrata in vigore della riforma''.

La programmazione per il prossimo anno, spiega la Regione, e' stata fatta come previsto dalla legge regionale. Il piano di dimensionamento e' stato approvato con delibera nel gennaio 2010. Da quel piano, fatto sulla base della normativa ad oggi vigente, non ci si puo' discostare, almeno per il prossimo anno. In attesa di nuove regole sono queste le uniche regole cui e' possibile attenersi. Le scuole, in questa fase di passaggio, possono ricorrere alla facoltÓ, prevista dalla legge, di determinare in autonomia il 20% del monte orario annuale. Risorse aggiuntive da parte della Regione saranno destinate al sostegno scolastico degli studenti che si iscrivono quest'anno al primo anno e che vorranno, eventualmente, transitare nei nuovi indirizzi che saranno creati a partire dall'anno successivo.