SCUOLA

Regione Toscana a Gelmini,
no a taglio spese pulizie

ASCA, 22.1.2010

(ASCA) - Firenze, 22 gen - Una lettera al ministro dell'istruzione Maria Stella Gelmini per chiedere, a nome della Regione Toscana, la sospensione del provvedimento che prevede il taglio del 25% delle spese sostenute dalle scuole per pulizie e sorveglianza. La decisione e' stata annunciata oggi dall'assessore all'istruzione Gianfranco Simoncini nel corso della riunione svoltasi con il direttore dell'ufficio scolastico regionale Cesare Angotti, i sindacati e le aziende appaltatrici delle imprese di pulizia e vigilanza che operano in Toscana.

La lettera e' stata inviata anche al presidente della IX Commissione della Conferenza Stato Regioni che vedrÓ gli assessori all'istruzione di tutte le Regioni riuniti per affrontare questo problema nella seduta di martedý 26 gennaio.

''Prendo atto e condivido le preoccupazioni espresse dai lavoratori - ha detto Simoncini - e mi auguro che il governo decida di tornare sui suoi passi. Il provvedimento colpirebbe infatti una fascia di lavoratori con bassi livelli di retribuzione e che nella nostra regione e' costituita prevalentemente da donne, fra le piu' deboli e meno tutelate.

Ma anche se auspichiamo che da parte del governo possa esservi un ripensamento e che quindi non debba servire, voglio tuttavia ricordare che, nel caso si rendesse necessario, possiamo mettere a disposizione delle aziende e dei sindacati strumenti come quello degli incentivi ai contratti di solidarietÓ. Sarebbe cosi' possibile, per i lavoratori - secondo Simoncini - recuperare in buona parte lo stipendio perduto in seguito al taglio del 25%''.