Ritorna la proposta
del dialetto insegnato a scuola,
ma Gelmini dice no

da Tuttoscuola, 18 maggio 2009

Il ministro Zaia, in un suo intervento in terra veneta, ha preannunciato l'insegnamento del dialetto a scuola, dichiarando che "la Lega farÓ in modo che il dialetto veneto sia riconosciuto nella legge sulle lingue e ne richiederÓ l'insegnamento obbligatorio, visto che sette residenti su dieci lo parlano".

Zaia ha anche aggiunto che per molti immigrati il dialetto veneto Ŕ diventato la prima lingua dopo quella materna.

La proposta non Ŕ nuova e alcuni anni fa venne sostenuta da parlamentari leghisti e pi¨ recentemente ipotizzata in una legge regionale friulana.

Il ministro Gelmini ha glissato sulla proposta, osservando che, prima di tutto, vanno insegnati a scuola i fondamentali. Una risposta garbata, ma contraria alla proposta.

Gelmini ha puntualizzato che "la proposta Ŕ interessante, ma un po' complicata da realizzare".