Secondo il sondaggio di Repubblica Demos-Coop
il bullismo Ŕ un fenomeno nuovo che preoccupa
Mancano i fondi e il collegamento con il mondo del lavoro
continua ad essere insufficiente

Scuola, fiducia leggermente in calo.
Gli italiani la promuovono senza lode.

Ma per la grande maggioranza,
l'istruzione pubblica rimane uno dei pilastri fondanti del Paese

Luigi Ceccarini e Fabio Bordignon, la Repubblica dell'1/10/2007

 

LA SUA immagine si Ŕ leggermente appannata, negli ultimi anni, ma la scuola sembra comunque tenere. Lo testimoniano i risultati della 15esima indagine dell'Osservatorio sul Capitale Sociale, che ricostruisce gli orientamenti e le valutazioni degli italiani sul sistema dell'istruzione. ╚ una scuola alle prese con vecchi e nuovi problemi, quella descritta dallo studio realizzato da Demos-Coop: dalla cronica mancanza di fondi allo scarso collegamento con il mondo del lavoro, fino alla recente diffusione della violenza negli istituti.
╚ scesa la fiducia degli italiani nella scuola: era al 63%, alla fine del 2003, mentre oggi si attesta al 54%.

Comunque, pi¨ di una persona su due, fra gli intervistati, la considera un'istituzione su cui fare affidamento, e agli insegnanti va la fiducia del 60%. Anche la scuola viene giudicata attraverso la lente ideologica.

In passato, appariva maggiormente "bipartisan". Poi, soprattutto in corrispondenza dei diversi cicli di riforma, si Ŕ colorata politicamente. ╚ diventata maggiormente "di destra", nel periodo successivo alla riforma Moratti; mentre giÓ oggi gli orientamenti sembrano riflettere il cambio di maggioranza.

Calano anche gli indici di soddisfazione del servizio. Tuttavia, l'istruzione pubblica continua ad essere valutata positivamente dalla maggioranza dei cittadini e, in particolar modo, dagli stessi "utenti": gli studenti e i genitori. L'indagine Demos-Coop, inoltre, rileva grande accordo sulle novitÓ introdotte, di recente, dal ministro Fioroni: dal ritorno degli esami di riparazione (80%) all'apertura degli istituti di pomeriggio (77%); dalla maggiore attenzione dedicata ad alcune materie (come la matematica e l'italiano) alle procedure pi¨ rapide contro gli insegnati inefficienti o assenteisti (90%).

Va precisato che la scuola continua ad essere intesa e valorizzata innanzitutto come scuola pubblica: gli istituti privati ottengono un apprezzamento molto pi¨ basso. Le emergenze della scuola sembrano richiamare i problemi giÓ emersi dal sondaggio del 2004: la mancanza di fondi (20%), innanzitutto, e lo scarso collegamento con il mondo del lavoro (19%). I pi¨ giovani (15-19 anni) puntano il dito soprattutto sul primo problema, mentre quelli della fascia successiva (20-24 anni) sottolineano soprattutto la debolezza della funzione "professionalizzante".

Un problema emergente riguarda invece la violenza negli istituti (12%). Si registra una crescita del fenomeno del bullismo (66%). Se aule e corridoi diventano luoghi sempre pi¨ insicuri, la responsabilitÓ viene per˛ addossata quasi interamente alle famiglie: nello specifico, alla mancanza di autoritÓ da parte dei genitori (66%). Questi ultimi, peraltro, secondo una percezione diffusa, tendono ad assumere troppo "le difese" dei figli.