Fondi alle scuole paritarie

dal sito del Governo Italiano del 22/10/2004

 

Presentazione

Le scuole paritarie fanno parte del sistema scolastico nazionale. In questo quadro, alle scuole secondarie di I e II grado paritarie, che proporranno progetti mirati all'ampliamento e alla elevazione dei livelli di qualita' delle attivita' formative Ŕ destinata la somma di Euro 3.375.000,00 (pari al 75% dell'intero importo), mentre alle scuole primarie e secondarie di primo grado che proporranno progetti mirati al supporto dell'avvio della riforma scolastica, la somma erogata Ŕ di Euro 1.125.000,00 (pari al 25% dell'intero importo). Lo stabilisce il decreto del ministero dell'Istruzione, UniversitÓ e ricerca del 5 ottobre 2004, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 20 ottobre 2004, sui criteri e modalitÓ di erogazione dei fondi alle scuole paritarie.

La legge che ha istituito il Fondo per l'arricchimento e l'ampliamento dell'offerta formativa e per gli interventi perequativi Ŕ la n. 440 del 18 dicembre 1997.

Le iniziative finalizzate all'espansione dell'offerta formativa e al sostegno della riforma degli ordinamenti scolastici nelle scuole paritarie, sono considerate prioritarie dalla direttiva n. 60 del 26 luglio 2004, che destina a tali finalitÓ l'importo complessivo di 4.500.000,00 euro.

Le somme verranno versate e gestite dagli uffici scolastici regionali nel rispetto del riparto regionale del fondo.

Tutti i progetti dovranno essere avviati, previa apposita comunicazione all'ufficio scolastico regionale, entro l'anno scolastico 2004/2005 e conclusi entro l'anno scolastico 2005/2006.

Possono accedere ai contributi le scuole paritarie, anche operanti in rete nell'ambito regionale, che funzionino con almeno un corso completo e con un numero di alunni iscritti e frequentanti di norma non inferiore a 10 per ogni classe.

 

Vedi la circolare del Miur.